English (United Kingdom)Deutsch (DE-CH-AT)Italian - Italy
Home /  Le aree protette
Messaggio

Gli ultimi decenni del secolo scorso hanno visto nascere, crescere e diventare centrale il tema dell'ambiente nelle politiche degli stati riguardanti l'uso delle risorse naturali e territoriali. I principi sanciti dalla comunità internazionale sulla limitatezza delle risorse, la protezione e conservazione della diversità biologica, l'integrazione degli aspetti economici e ambientali secondo modelli di sviluppo sostenibile per l'ambiente hanno come fine ultimo quello di assicurare la più alta qualità di vita non solo alle popolazioni umane presenti ma anche alle future generazioni.

fanalp-106

Le linee strategiche per la conservazione della natura sono tracciate nell'Unione Europea dalla Direttiva Habitat n. 43 del 1992 relativa appunto alla conservazione degli habitat naturali, della flora e della fauna selvatica. Con questa Direttiva l'Unione si propone di realizzare una Rete Ecologica Europea (EECONET) secondo un progetto denominato Natura 2000 che individua e tutela in forme diverse a secondo della loro importanza, aree, siti e zone di grande valenza naturalistica. In Italia dunque, come negli altri Stati membri dell'Unione, si dovrà costituire una rete ecologica nazionale che risulterà dalla sommatoria delle azioni concretamente svolte sia a livello statale che regionale. Per la formazione della rete ecologica nazionale i parchi e le riserve assumono il ruolo di nodi interconnessi tra di loro e con altre aree di rilevante interesse naturalistico e da corridoi ecologici a cui si frappongono zone cuscinetto o di transizione in modo tale da costruire una vera e propria "infrastruttura ambientale" estesa all'intero territorio. La rete ecologica nel rapporto uomo territorio può rappresentare, attraverso il contenimento della riduzione degli habitat e l'individuazione delle capacità di carico compatibili con le caratteristi che dell'ambiente circostante, un valido strumento per contrastare l'erosione genetica e la semplificazione biologica, puntando invece a conciliare i bisogni umani con il più alto contenuto di biodiversità dell'ambiente.

Secondo le finalità caldeggiate dal trattato dell'Unione Europea, "perseguire il concetto di sostenibilità implica la ricerca di linee di sviluppo economico che rispettino l'ambiente e operino per un assetto territoriale equilibrato, in modo tale che, nel percorrere il cammino della globalizzazione, si ricerchi il rispetto delle identità locali, in tutti i loro valori, naturali ed antropizzati"

La regione Friuli Venezia Giulia con la legge regionale del 30 settembre 1996, n. 42

ridisegna il sistema delle aree naturali protette regionali. Da quel momento, la tutela della natura si persegue attraverso diverse forme di tutela del territorio tra cui i parchi e le riserve naturali regionali, strutture complesse, istituite con legge, che introducono un modello di gestione territoriale di tipo straordinario.